Recensione Giochi Medievali e Rinascimentali di Carnasciale 2012

pubblicata da Roberto Cinquegrana il giorno domenica 8 aprile 2012 alle ore 11.07

Dopo appena una settimana dal grande evento di Carnasciale di Firenze organizzato dalla nostraCompagnia dell’Aquila Bianca, da Gianluca Cecchini e da Oriano Brunetti (e nessun altro) e che ha visto la partecipazione e grande collaborazione delle maggiori associazioni rievocative Nazionali, mi accingo a riassumere i fatti delle giornate non senza l’emozione nel cuore. Ho atteso a scrivere sia per i grandi impegni lavorativi e sia per raccogliere fino alla fine le sensazioni degli intervenuti che nelle nostre pagine multimediali sono rimbalzate dappertutto e di cui ancora l’eco si vede e si sente.

Quando abbiamo iniziato questo progetto eravamo consapevoli che in una piazza come quella di Firenze, un simile evento avrebbe avuto un particolare risalto ma non ci aspettavamo un simile successo soprattutto sulla base dei contatti e delle prossime collaborazioni che ci stiamo accingendo a realizzare per l’organizzazione di prossimi eventi ancora nella magica cornice di Firenze. In questa recensione eviterò di evidenziare le polemiche scaturite prima, durante e poco dopo l’evento generate dalle solite invidie ed ingerenze politiche di cui tutti abbiamo avuto testimonianza e che quindi mi esimerò di raccontare. Dico soltanto che Firenze merita di avere gruppi come i nostri che per passione e per grande meritocrazia debbano portare alto il valore e l’identità di una grande terra come questa con professionalità ed esperienza.

Come dicevo l’evento ha visto tra i protagonisti le maggiori associazioni Nazionali e non posso nuovamente non evidenziarle:

- Compagnia dell’Aquila Bianca di Firenze/Prato

- Cavalieri Cenedesi (Vittorio Veneto - Treviso)

- Equites Duellatorum (Pragelato - Torino)

- Studium de Cividatum (Cividale del Friuli)

- Compagnia dei Grifoni Rampanti (Lucca)

- Gens Innominabilis (Castell’Arquato – Piacenza)

- Custodes Pontis (Ponte dell’Olio – Piacenza)

- Memoriae Milites (Cagliari)

- Compagnia Rosso d'Aquila (l'Aquila)

- Compagnia del Lupo Rosso (Firenze)

- Antichi Popoli (Fucecchio)

- Compagnia delle Bande Nere (Firenze)

- Compagnia Strategemata (Treviso)

- Fabio Bonciolini Falconiere

Tutte hanno lavorato con grande professionalità intrattenendo il pubblico e collaborando in tutte le attività previste senza alcuna programmazione. La cosa che mi ha colpito è che tutti si mettevano a disposizione autonomamente per aiutare e coordinare gli spazi. Come organizzatori non siamo mai dovuti intervenire per correggere il tiro a nessuna di esse. Da parte nostra va verso di loro la piu’ grande riconoscenza per la perfetta riuscita dell’evento. Il sacrificio da loro dimostrato non verrà dimenticato in quanto tutti insieme abbiamo investito credendoci in questo ambizioso progetto che sono certo verrà implementato di anno in anno. In particolare la nostra Compagnia con la Compagnia delle Bande Nere, Compagnia del Lupo Rosso e la Compagnia Antichi Popoli stringeranno una collaborazione proprio per lo sviluppo di questo evento medioevo-rinascimentale ognuna sviluppando la propria sezione in completa autonomia.

Per la prima edizione non abbiamo posto paletti estremi rievocativamente parlando. Abbiamo deciso di creare un “pluriepoca” che potesse dare una visione complessiva dei gruppi dal medioevo al Rinascimento. Vista la grande richiesta di tanti altri gruppi per la prossima possibile edizione abbiamo idea infatti di suddividere al meglio le zone identificando ognuna di esse per un periodo storico particolare. Il pubblico potrà quindi immergersi in tutte le epoche assaporandone le caratteristiche e le specifiche peculiarità. Ma questi dettagli li rimandiamo alla settimana prossima quando ci incontreremo proprio per discuterne.

Il sabato mattina mentre tutte le compagnie si adoperavano per svolgere le proprie attività, a livello equestre cominciavamo a sciogliere i cavalli, mentre iniziava il Torneo di Scherma “Ermete” ad impatto pieno. Adrenalina a mille con tutti i Cavalieri armati di tutto punto per dimostrare le proprie capacità tecniche e di grande resistenza. Il pubblico interveniva con particolare attenzione dimostrando enorme interesse a questo primo grande appuntamento fiorentino.

Il pomeriggio viene dedicato alla prima fase della Giostra, dove 7 Cavalieri con il proprio maestro di campo e diversi scudieri organizzano la PRIMA GIOSTRA ITALIANA dell’Italian Jousting Team, organismo da me fortemente voluto per il coordinamento di questa favolosa disciplina. La nostra attenzione è stata ovviamente rivolta alla sicurezza. Ognuno di quei cavalieri ha anni di esperienza equestre e di spettacoli di questo tipo, quindi non è stato difficile comprendere che messi tutti insieme avremmo generato uno spettacolo unico nel suo genere. E cosi è stato.

Gli scontri sono andati via via spediti dimostrando grande livello tecnico dei Cavalieri. Il pubblico era in delirio. In questa disciplina non ci si può improvvisare come ultimamente stiamo notando per cui diversi soggetti stanno cercando inutilmente di emularci.

Il fine pomeriggio è dedicato alle finali del Torneo di Scherma che ha visto trionfare nuovamente Uther di Castell’Arquato, sul giovane Fabio di Custodes Pontis, e per terzo il grande amico sardo Emanuele dei Memoriae Milites.

1° Uther (Gens Innominabilis)

2° Fabio (Custodes Pontis)

3° Emanuele (Memoriae Milites)

La sera come di consueto in appuntamenti come questi, grande amicizia tra le compagnie che si sono gemellate per mangiare e bere assieme sotto le magnifiche musiche e balli della fantastica compagnia sarda dei Momoriae Milites. Anche a loro rivolgo il mio personale ringraziamento per il grande contributo alla riuscita della festa. Io non dimentico….

La domenica mattina incomincia in quarta con l’organizzazione delle finali della Giostra. Entrati i Cavalieri sulle musiche dei Queen, We will Rock you (ci scusiamo con i puristi della rievocazione), il pubblico si accalcava nel perimetro del campo al fine di assistere adeguatamente al simile spettacolo. Nell’entrare in campo la Compagnia delle Bande Nere si inquadra ed io mi metto davanti per entrare in campo…. Nel gioco e negli sguardi di intesa tra i cavalieri io improvviso un attacco a cavallo su di loro che tempestivamente vanno a posizionarsi a “istrice” stando al mio gioco e difendendo la propria posizione. Non ho pensato neanche lontanamente a sfondarli !!! Grande divertimento…. Anche in questo caso.

La Giostra è andata avanti con ritmi sempre piu’ serrati ed i cavalli hanno dimostrato enorme coinvolgimento. Alla fine questi sono stati i posizionamenti ma devo dirvi che i punteggi erano davvero vicini gli uni agli altri evidenziando un equilibrio generale:

1° Gabriele (Studium de Cividatum)

2° Roberto del Regno di Napoli (Aquila Bianca)

3° Marco (Studium de Cividatum)

Ho visto grande Cavalleria anche all’interno del campo e mi ritengo fiero di avere simili amici e compagni d’arme. Un ringraziamento speciale va a Mauro Guidolin che dall’alto del suo maestoso cavallo ha diretto in modo egregio la Giostra come Magistro ufficiale dell’Italian Jousting Team. Un riguardo particolare va anche ai collaboratori di campo (scudieri, giudici e altri maestri di campo) che con grande esperienza e senza nulla sbagliare hanno contribuito a fare grande questa giostra. Senza questa squadra non sarebbe stato possibile lavorare in codesto modo.

Dopo le premiazioni di rito ricordando doverosamente il nostro amico “Ermete” a cui tutti i nostri sforzi sono dedicati ed a cui va sempre il nostro pensiero ogni qualvolta entriamo in campo a combattere, ci accingiamo a preparare la battaglia “pluriepoca”, mentre i sardi se le davano i piccole Bohurt nella lizza della Scherma.

Abbiamo cercato di rispettare le opportune caratteristiche di tempo e di armamento e quindi i due schieramenti vedevano opporsi Stratagemata e Bande Nere nella sezione rinascimentale, Gens e Grifoni contro Aquile e Memoriae Milites nella sezione ad impatto pieno e Lupo Rosso e Antichi Popoli / Memoriae Milites nella sezione ad impatto light.

Io con due Cavalieri a cavallo mi divertivo a galoppare intorno dando ordini e posizionando le truppe.

Apoteosi del successo. Il pubblico incitava l’uno e l’altro schieramento mostrando enorme interesse alla novità tanto da dover realizzare subito dopo il primo un secondo scontro. Al termine…. L’ultimo fatidico scontro ha visto protagonista un grande messaggio di amicizia tra le compagnie dove ognuna di esse simulando una carica, si ritrovavano invece tutte insieme abbracciate gioendo della fine della manifestazione…. Li devo dire che un brivido mi ha preso la schiena traendo un grande sospiro di sollievo che tutto fosse andato bene. Sono emozioni che bisognerebbe viverle per poterle raccontare adeguatamente.

Conclusione:

L’amministrazione locale ha notato la grandezza dell’evento unico nel suo genere a firenze e ci ha già proposto una serie di incontri per crearne degli altri nella speranza che ci sia maggiore sensibilità per l’opera che andiamo a rappresentare. Sacrifici di tempo, economici e logistici ci hanno messo a dura prova. E’ bene specificare che il tutto è stato realizzato con le SOLE nostre forze ma rimane evidente che una ripetizione ed implementazione di questo evento deve avere necessariamente un contributo da parte di sponsor privati o pubblici. Per tale motivo fin da ora ci accingeremo a promuovere il prossimo evento.

L’evento nel suo complesso comprendeva anche la sezione dei giochi del Calcio Storico maschile e femminile ma lascio agli interessati la recensione in quanto diretti protagonisti della loro parte di evento.

Ringraziamenti (nella speranza di non aver dimenticato nessuno):

Oriano Brunetti e Gianluca Cecchini per l’opportunità concessaci

Ant (Associazione Nazionale Tumori)

Comune di Firenze

Polizia Municipale

Polizia a cavallo

Ippodromo del Trotto di Firenze per i Box concessi dei cavalli

Camillo Balossini, Gioacchino Sparrone e Fabrizio Zuccarato per le magnifiche fotografie realizzate

Tutte le Compagnie presenti

Alle Edizioni Il Cerchio che con grande professionalità hanno portato Cultura al nostro evento sostenendoci a 360 gradi.

A tutte le AQUILE che si sono prodigate di assistermi anche nei momenti piu’ difficili

A Gianluigi Garofalo che ha condiviso con me ogni momento della manifestazione

Alla Militia dello Stretto che dalla Sicilia è venuta in forza a darci sostegno

Valter del Ferraro per il coordinamento dei gruppi al campo

Ad Avio da Florentia mio personale istruttore di Equitazione che mi ha dato tutto ciò di cui avevo bisogno per avere dignità in campo

Ai Cavalieri appiedati Livio, Claudio, Luigi e Rinaldo che hanno combattuto come Aquile all’interno di quell’infernale lizza. Avanti con tenacia Fratelli miei….

A Vincenzo Palmeri per l’assistenza Equestre

A Simona Alfano e Tiziana Meozzi che hanno cucinato per 170 persone !!! (a loro andrebbe una particolare medaglia

A mia moglie (Simona Alfano) che qualcuno ha soprannominato “LA SANTA” (chissà perché…?!?!?!?) che ha saputo darmi sostegno e coraggio per la riuscita di questo evento…

Ai genitori di Ermete che con la loro presenza ci danno sempre testimonianza dell’importanza di ciò che realizziamo. Un abbraccio di cuore davvero.

A Christian Seneca che se anche non era in campo con noi non ha mai smesso di dare suggerimenti, consigli e dettagli collaborando attivamente a questo progetto. A lui va la nostra grande stima!

… e per ultimo… non per importanza un grande ringraziamento a te Ermete che ci guidi dall’alto con il tuo Laccio Rosso di cui pochi ne hanno compreso davvero il significato.

Compagnia dell'Aquila Bianca

Commenti

Post popolari in questo blog

Una maschera Sherden nel British Museum di Londra

Pugilatori Nuragici, Corridori e Assaltatori? Tutto da rifare!

I Gladiatori di Mont'é Prama